Search Marketing

Guida al posizionamento dei siti web nei motori di ricerca

Amico degli spider
Home
2 Apr '05
Guida
8 Nov '04
Articoli
27 Mar '05
News/Blog
La Newsletter
30 Apr '09
FAQ
12 Gen '03
Risorse
10 Ott '04

Libri di pubblico dominio in Google Print

Google Print è stato appena arricchito della prima larga collezione di libri di pubblico dominio forniti dalle università.
3 novembre '05 15:51:41
Google Print compie il primo consistente passo verso l'ambizioso progetto di indicizzazione di tutti i libri finora prodotti, aggiungendo all'archivio del motore di ricerca la prima larga collezione di libri di pubblico dominio. Tutti i libri di pubblico dominio sono interamente leggibili dalle pagine di Google Print.

Le università ed organizzazioni che hanno contribuito con la fornitura delle pubblicazioni da indicizzare sono l'Università del Michigan, quella di Harvard, quella di Stanford, e la New York Public Library. Grazie alla cooperazione con il motore di ricerca, Google Print adesso include libri sulla storia americana, i lavori di Henry James e diversi documenti governativi.

Il fatto che Google abbia deciso di focalizzare sui libri di pubblico dominio il primo grande apporto di materiale, mostra con evidenza l'estrema cautela con cui il motore di Mountain View muove i propri passi in seguito alle forti critiche (e persino denunce) ricevute da diverse associazioni di scrittori ed editori.

Google Print, infatti, aggiungerà presto ai libri di pubblico dominio anche i libri protetti da copyright che, sebbene non saranno leggibili online dagli utenti, rappresentano agli occhi di molti editori una violazione dei diritti.

Oltre ad iniziare con i libri di pubblico dominio, lo scorso giorno Google ha annunciato di voler iniziare la scannerizzazione dei libri protetti da copyright partendo da quelli più vecchi e non più in circolazione avvertendo però che, una volta assottigliata la coda dei libri vecchi, il progetto di indicizzazione approccerà inevitabilmente libri sempre più recenti, quelli che gli editori probabilmente desiderano "proteggere" maggiormente.

< Torna alla pagina con le notizie più recenti

<< Torna alla pagina principale di Motoricerca.info