Search Marketing

Guida al posizionamento dei siti web nei motori di ricerca

Amico degli spider
Home
2 Apr '05
Guida
8 Nov '04
Articoli
27 Mar '05
News/Blog
La Newsletter
30 Apr '09
FAQ
12 Gen '03
Risorse
10 Ott '04

Google e Sun verso il WebOS

Google e Sun hanno stretto una collaborazione che include, tra le altre cose, lo sviluppo di applicazioni gestibili via Web.
5 ottobre '05 09:01:01
Con questo comunicato stampa, Sun e Google annunciano un accordo di collaborazione che prevede lo scambio di tecnologie e l'integrazione della Google Toolbar tra i software che possono opzionalmente essere scaricati assieme a Java Runtime Environment.

Quella che a prima vista potrebbe sembrare una semplice partnership tecnologica nasconde però interessanti implicazioni, annunciate in via informale da Jonathan Schwartz, presidente di Sun Microsystems, sul proprio blog. Implicazioni tanto significative che spingono Schwartz ad un'affermazione come "il mondo cambia questa settimana".

Quello che sta accadendo, da tempo previsto da diversi osservatori che hanno analizzato e seguito le mosse strategiche e tecnologiche di Google negli ultimi anni, è che Google e Sun hanno compiuto con questa collaborazione il primo passo verso l'astrazione dal sistema operativo. In altre parole, le tecnologie Java di Sun e quelle di Google dedicate alla gestione di grandi quantità di dati e alla fruizione di servizi via Web potranno convergere per fornire gli utenti di applicazioni software usabili via Web, con un semplice browser.

Gli utilizzatori di GMail sono forse avvantaggiati nel comprendere le potenzialità di questo accordo tra Sun e Google. Così come l'applicazione per la gestione della posta elettronica di Google è stata progettata per garantire un utilizzo veloce e dinamico, al pari di un software installato su un PC, i futuri software sviluppabili congiuntamente dalle due società potrebbero sfruttare lo stesso concetto per "bypassare" il sistema operativo installato sul PC dell'utente e funzionare attraverso un qualunque browser web.

A paventare questo scenario è Schwartz stesso, che nell'intervento sul proprio blog indica esplicitamente OpenOffice come uno degli possibili pacchetti che potrebbero essere "portati sul Web" per essere trasformati da applicazioni per desktop ad applicazioni basate su servizi di un network.

Il blog Dirson va oltre i semplici propositi espressi da Schwartz ed in poche righe fornisce una visione generale degli obiettivi di questo accordo, parlando esplicitamente di WebOS, ovvero di un sistema operativo fruibile dal browser e che si appoggia all'infrastruttura di Internet.

Nell'ottica di uno sforzo teso a produrre software che scavalcano i sistemi operativi (Windows in testa), si può ben comprendere che la semplice integrazione della toolbar di Google nei download di Java rappresenta la parte della collaborazione meno interessante e meno influente sul possibile futuro del Web.

< Torna alla pagina con le notizie più recenti

<< Torna alla pagina principale di Motoricerca.info