Search Marketing

Guida al posizionamento dei siti web nei motori di ricerca

Amico degli spider
Home
2 Apr '05
Guida
8 Nov '04
Articoli
27 Mar '05
News/Blog
La Newsletter
30 Apr '09
FAQ
12 Gen '03
Risorse
10 Ott '04

Wi-Fi per tutti: GoogleNet

16 agosto '05 08:13:14
Om Malik su Business 2.0 pubblica un articolo che elenca dei fatti ormai assodati circa alcune operazioni che Google sta svolgendo dall'anno scorso e tira le somme producendo il seguente possibile risultato: una rete Internet ad accesso gratuito per tutti, via Wi-Fi.

Malik l'ha chiamata GoogleNet, e per quanto al momento non ci sia nulla di ufficiale, l'articolo pubblicato su Business 2.0 basa le proprie argomentazioni su dei fatti reali e già assodati.

Innanzitutto, dall'anno scorso Google sta acquistando miglia e miglia di cavi di fibre ottiche inutilizzati sul suolo americano, da grossisti come AboveNet.

In secondo luogo, sta comprando anche connessioni Internet superveloci tra le città della costa est degli USA, come Atlanta, Miami, e New York.

Terzo, lo scorso aprile Google ha attivato e sponsorizzato un hotspot a San Francisco (Union Square, quartiere conosciuto per lo shopping), creato da un'azienda locale chiamata Feeva, che realizza soluzioni software per offrire connessioni Internet Wi-Fi gratuite ad aziende o comuni.

Quarto, Feeva ha pronti altri hotspot da piazzare negli stati della California, Florida, New York, e Washington, e Google sta continuando a lavorare con la società, sebbene non si conosca la natura della collaborazione.

Quinto, la tecnologia basata sul Wi-Fi permette di localizzare con la precisione un dispositivo e inviare pubblicità correlata al luogo in cui il dispositivo si trova.

Da tutte le operazioni che Google sta compiendo e dal potenziale delle tecnologie impiegate, Om Malik deduce che Google potrebbe voler creare un proprio network per Internet, sfruttando le connessioni ed i cablaggi per collegarsi alla Rete e gli hotspot per collegare gli utenti al network di Google, quello che Malik chiama GoogleNet.

In questo modo Google sarebbe proprietario sia dell'infrastruttura collegata ad Internet sia gestore dell'"ultimo miglio", diventando a tutti gli effetti il provider degli utenti che si collegheranno agli hotspot.

Ma l'aspetto più interessante di questo progetto, tanto ipotetico quanto plausibile, consiste forse nel suo lato economico. Escludendo gli investimenti iniziali, che andrebbero ammortizzati nel tempo, un simile network permetterebbe a Google di risparmiare denaro, visto che la nuova struttura eliminerebbe la necessità di ricorrere alle aziende che attualmente "passano il traffico" a Google, ovviamente a pagamento.

Ed i guadagni? I guadagni arriverebbero dalle consuete pubblicità di Google, non più basate dai siti web visitati o dalle ricerche effettuate ma anche dal luogo in cui il dispositivo wireless utilizzato dall'utente si trova.

Decisamente un articolo interessante le cui affermazioni appaiono più consistenti rispetto alle tante voci di corridoio che girano in questi giorni su altri aspetti dei motori di ricerca.

< Torna alla pagina con le notizie più recenti

<< Torna alla pagina principale di Motoricerca.info