Search Marketing

Guida al posizionamento dei siti web nei motori di ricerca

Amico degli spider
Home
2 Apr '05
Guida
8 Nov '04
Articoli
27 Mar '05
News/Blog
La Newsletter
30 Apr '09
FAQ
12 Gen '03
Risorse
10 Ott '04

26 giugno '05 14:53:24
InsideGoogle segnala un articolo su Adweek che rivela un esperimento condotto da Yahoo! e Revenue Science per testare un modello di pubblicità basata sui comportamenti degli utenti, che potrebbe essere utilizzato nel sistema di inserzioni che darà battaglia ad AdSense.

A differenza delle pubblicità di Google, che vengono scelte dal software del motore di ricerca in base ai contenuti e temi discussi sulla pagina web, il sistema di Yahoo! e Revenue Science (specializzata proprio in pubblicità comportamentale) sceglie invece le pubblicità in base al comportamento dell'utente, ovvero in base ai siti web visitati in precedenza dal medesimo.

Omar Tawakol, senior vice president di Revenue Science, spiega che la scelta delle pubblicità in base alla navigazione dell'utente può portare a risultati migliori rispetto alla pubblicità basata sul contenuto della sola pagina web che ospita le inserzioni. La ragione di questa affermazione risiede nel fatto che molte delle pagine sul web sono aride di contenuti e che questa carenza può costituire un limite per la pubblicità contestuale ma non per la pubblicità comportamentale.

Tawakol non scende nei particolari tecnici e non spiega come Revenue Science riesca a seguire l'utente nelle sue scorribande per il Web. Tuttavia, analizzando il codice HTML di Dogster, uno dei siti che sta partecipando a questa sperimentazione di Yahoo!, si nota che, oltre al richiamo di uno script Javascript che presumibilmente è destinato a mostrare le pubblicità, il browser dell'utente viene spinto a caricare in background una pagina PHP dal nome adlog.php, sfruttando l'attributo src di un tag img opportunamente nascosto attraverso la proprietà hidden di uno stile CSS.

Non si può escludere che quel file di log venga sfruttato per individuare i siti visitati dall'utente, e la soluzione della falsa immagine non sarebbe certo nuova ai sistemi di tracking, anche se senza spiegazioni ufficiali è possibile produrre solo buone ipotesi.

Si noti che non è detto che questo sistema di pubblicità basata sulla navigazione degli utenti sarà effettivamente quello che Yahoo! deciderà di sfruttare per il futuro network di inserzioni. I test in corso, infatti, servono proprio a decidere se la qualità dei risultati è abbastanza alta da prendere in considerazione l'adozione di questa tecnologia.

< Torna alla pagina con le notizie più recenti

<< Torna alla pagina principale di Motoricerca.info