Search Marketing

Guida al posizionamento dei siti web nei motori di ricerca

Amico degli spider
Home
2 Apr '05
Guida
8 Nov '04
Articoli
27 Mar '05
News/Blog
La Newsletter
30 Apr '09
FAQ
12 Gen '03
Risorse
10 Ott '04

Contenuti e usabilità (1)

Il capitolo più importante di questa guida

Come già evidenziato nel sottotitolo di questo capitolo, la pagina che state per leggere esprime, da sola, l'intera essenza di questa guida e illustra le motivazioni per cui la qualità di un sito web e la sua posizione sui motori di ricerca sono due aspetti che marciano di pari passo.

In giro per il web esiste una gran quantità di testi autorevoli che trattano l'argomento dell'usabilità in modo molto più completo, approfondito e preciso rispetto a quanto saremmo in grado di fare noi. Per tale ragione, abbiamo realizzato questi due capitoli dedicati all'usabilità esclusivamente col fine di fornire dei consigli che nascono dal buonsenso, invitando il lettore a documentarsi ulteriormente su tale tematica, cercando siti web e documentazione espressamente dedicati ad essa.

I concetti che intendiamo illustrare non sono per nulla complessi, ma nel corso degli anni la nostra esperienza ci ha mostrato che buona parte dei webmaster è restia ad accettarli, forse perché si tratta di concetti la cui applicazione richiede più lavoro, più tempo, più capacità.

È per tale ragione che, nonostante la loro semplicità, riteniamo necessario procedere ad una trattazione accurata dell'argomento, con l'intento di mostrarlo sotto diversi punti di vista e con la speranza di convincere anche i più scettici che l'unica sicura strada verso ottimi e duraturi risultati è rappresentata dalla capacità del webmaster di produrre siti web di qualità.

Cosa si intende per "qualità"

Il sito web di Motoricerca.info non fa uso di alcun "trucco" volto a raggiungere posizioni migliori sui motori di ricerca. Eppure consegue buoni risultati.

Si potrebbe pensare che, anche in assenza di trucchi, questo sito benefici comunque delle accortezze tecniche che sono state trattate negli altri capitoli di questa guida. Tuttavia, persino se decidessimo di aggiungere i FRAME e di eliminare tutti i META TAG e i titoli dalle pagine, i risultati conseguiti sarebbero pressoché immutati.

Le ragioni che spingono questo sito in alto nelle posizioni sui motori di ricerca risiedono dunque in qualcosa che è estremamente più semplice da comprendere di qualsiasi tecnica o trucco: questo sito ospita buoni contenuti e inizia ad essere popolare.

Ciò vuol dire che il sito possiede delle caratteristiche che spingono gli utenti a visitarlo a fondo, a scaricarlo interamente, a tornare spesso a visitarlo, a inserirlo tra i propri siti preferiti, a consigliarlo ad altre persone e talvolta a pubblicare su altri siti web un link che ne consiglia la visione.

Si tratta di un processo del tutto naturale, che avviene con qualunque sito possieda contenuti degni di interesse e per di più è un processo "gratuito", ovvero che viene da sè, senza che nessuno debba preoccuparsi di tecniche di posizionamento, di monitorare costantemente i risultati o di intervenire per migliorarli artificiosamente.

Potremmo dunque definire "qualità di un sito web" la capacità di un sito di venire incontro alle esigenze dei suoi visitatori.

Se un sito ospita informazioni interessanti (contenuti) e dal punto di vista tecnico è realizzato per rendere facile e intuitiva la sua navigazione (usabilità), allora la sua qualità sale, così come aumenta di conseguenza la sua popolarità tra gli utenti e il punteggio/giudizio assegnatogli dai motori di ricerca.

Produrre contenuti non è facile

Realizzate un sito web di qualità e gli ottimi risultati sui motori di ricerca saranno garantiti.
Facile a dirsi, un po' meno ad attuarlo. Esistono numerose ragioni per cui un sito di qualità è ottenibile solo attraverso un lavoro lungo e pesante e alcune volte tale difficoltà si trasforma in una oggettiva impossibilità.

Ad esempio, diversi webmaster e web-agency si trovano spesso di fronte a clienti che mostrano poco o nessun interesse nel fornire il materiale necessario a costruire l'"ossatura" stessa del sito.

Purtroppo molte aziende credono che un sito web funzioni solo come un cartellone pubblicitario, ignorando le reali potenzialità di una presenza su internet, rifiutandosi di comprendere che una semplice pubblicità si perderebbe nella gigantesca mole di altre pubblicità presenti sulla Rete. È da questa ignoranza che nascono richieste del tipo "Fateci il sito, scegliete voi il materiale", senza minimamente interessarsi ai suoi contenuti, senza contribuire attivamente alla qualità dei testi, senza degnarsi di indicare quali sezioni/prodotti/servizi vanno evidenziati più di altri.

I risultati, in questi casi, sono ovviamente disastrosi.
Un webmaster o una web-agency che devono gestire clienti simili possono realizzare anche un discreto sito web, dal punto di vista tecnico, ma privo di una sua "personalità" e destinato a rimanere uno dei tanti siti anonimi presenti sul web.

Fortunatamente, col passare del tempo, questa mancanza di consapevolezza da parte delle aziende è destinata a svanire e con tutta probabilità sarà la stessa concorrenza tra aziende che evidenzierà come i siti che raggiungono i risultati migliori sono quelli accuratamente progettati, in modo che siano espressione dell'azienda a cui appartengono, e non delle banali vetrine che non offrono contenuti differenti da migliaia di altre vetrine simili.

A volte la difficoltà nel reperire informazioni interessanti e importanti sull'azienza (o sul privato) che commissiona la realizzazione del sito web si tramuta in una reale impossibilità. Accade per lo più quando il committente non possiede affatto alcun contenuto interessante da pubblicare o quando il sito che ne verrà fuori conterrà quasi esclusivamente materiale poco originale, già reperibile su altri siti.

Nel primo caso, l'oggettiva mancanza di materiale segnerà con tutta probabilità il fallimento completo del sito: i motori di ricerca non troveranno testi interessanti da archiviare e conseguentemente gli utenti non potranno mai raggiungere le pagine del sito. Può avvenire per aziende che desiderano pubblicizzare un prodotto con dovizia di fotografie ma con scarse descrizioni testuali. Oppure a chiunque sia attratto da un'idea o un messaggio da comunicare, ma che non possiede capacità per farlo in maniera efficace.

Nel secondo caso, quando un sito web è destinato a divenire uno dei tanti siti che trattano un argomento molto diffuso, è sempre possibile ottenere un sito di buona qualità ma risulta difficile imporsi sugli altri siti dedicati al medesimo argomento. Anche a parità di qualità dei contenuti, infatti, i siti più vecchi hanno avuto tempo per costruirsi un nome, per farsi conoscere, per far parlare di sè su altri siti (generando diversi link che ne consigliano la visita), per creare e far crescere una comunità di visitatori abituali.

Tutto ciò si traduce ovviamente in una visibilità ben maggiore rispetto a quella di un sito web pubblicato da poco e al neo-arrivato non resta che cercare, a sua volta, di farsi conoscere il più possibile, impiegando tempi che generalmente si rivelano medio/lunghi.

Ovviare al problema dei contenuti

La professionalità di un webmaster o di un'azienda di realizzazione siti si nota innanzitutto dallo spirito con cui si procede alla progettazione del sito web. In presenza di materiali non soddisfacenti, una sana deontologia professionale dovrebbe spingere il progettista del sito ad interessarsi di fasi progettuali che in teoria dovrebbero essere interamente gestite dal committente.

Ad esempio, nel caso di siti aziendali è sempre consigliato fare alcune ricerche e indagini sui concorrenti del committente, prendere nota di quali prodotti e servizi essi offrono, delle differenze tra gli stessi e i prodotti e servizi che verranno proposti sul sito da realizzare, delle modalità di acquisto offerte dalla concorrenza e di quante più informazioni sia possibile ottenere.

Successivamente, con tali informazioni a disposizione, il webmaster dovrebbe stilare un elenco di consigli sui contenuti e sui termini da enfatizzare maggiormente, di bozze di impaginazione e di tecniche di promozione.

Questo è quanto dovrebbe accadere in teoria, nella pratica purtroppo le cose vanno diversamente e il modus operandi appena delineato è adottato esclusivamente dalle aziende di realizzazione siti più affermate e dai webmaster più compìti e scrupolosi. Tutti gli altri operatori del settore si limitano a realizzare il sito con il solo materiale consegnato dal committente, disinteressarsi sulla qualità dello stesso ed intascando il compenso pattuito.

È lecito a questo punto domandarsi se un webmaster debba effettivamente accollarsi compiti che non rientrano strettamente nella realizzazione tecnica del sito. Del resto, cercare e proporre contenuti dovrebbe essere un'attività di competenza del committente.

Noi riteniamo che il punto focale di questo capitolo sia proprio questo: molte persone hanno iniziato a realizzare siti web per hobby, trasformando successivamente tale passione in un'attività remunerativa. In una prima fase di tale attività, guidata da una non piena consapevolezza di cosa significhi realizzare un buon sito web, è anche normale che si guardi più ai risultati estetici che a tematiche complesse come la qualità dei contenuti e il grado di usabilità del sito.

Col tempo, però, la consapevolezza di cui sopra deve aumentare. Il webmaster deve conseguire una maturità professionale tale da indurlo spontaneamente ad interessarsi di tematiche che inizialmente venivano considerate estranee al processo di realizzazione di un sito web, e che invece ne fanno parte a pieno titolo. Le ragioni per cui è indispensabile conseguire questa nuova maturità sono almeno tre.

Innanzitutto, ogni sito web prodotto non è solo espressione del committente, ma anche espressione del webmaster che si è occupato della sua progettazione e realizzazione. Nascondersi dietro ad affermazioni quali "il committente non ha fornito materiale adeguato" per giustificare una carenza di contenuti non è un atteggiamento accettabile nè professionale. L'interesse che il sito risulti utile e piacevole da consultare deve essere comune al committente e al webmaster; il primo ne guadagnerà in visibilità, il secondo in prestigio.

In secondo luogo, le migliori aziende di realizzazione siti riescono a sollevare il cliente di quanti più oneri possibili; a fianco di figure professionali quali grafici, programmatori e impaginatori, ne sono nate altre, come ad esempio il "produttore di contenuti". Il mestiere di "produzione siti" si è trasformato da un'attività che coincideva con la mera impaginazione dei contenuti consegnati dal cliente, ad una complessa attività di consulenza: il cliente va consigliato, aiutato e condotto sulla giusta strada per conseguire il miglior risultato possibile. Ne consegue che anche il singolo webmaster deve migliorare ed ampliare le proprie mansioni, specie se non lavora in team ma autonomamente.

Per ultimo, una maturità che porta il webmaster ad interessarsi di tematiche come la qualità dei contenuti e l'usabilità del sito web, conduce inevitabilmente ad un WWW migliore, i cui argomenti sono trattati approfonditamente e le cui pagine sono facili ad essere individuate e semplici da navigare.

Adesso che sono state delineate le caratteristiche principali dello spirito con cui bisogna affrontare il tema dei contenuti, vi invitiamo a leggere la seconda parte di questo capitolo, che indica alcuni semplici ma importanti regole da seguire per ottenere contenuti e usabilità di buon livello.